Clubbells & Yoga

 Si struttura in tre discipline: Intuflow, Prasara Yoga e Clubbell.

Il suo fondatore, Scott Sonnon, ha voluto creare un sistema completo di allenamento che sia in grado di strutturare il fisico in modo da renderlo si più forte e resistente, ma anche elastico, agile e coordinato. Quello che in pratica più si avvicina al concetto di equilibrio psico-fisico ideale. Lavorando su tutti i piani di movimento, sfruttando i movimenti multi-articolari e la varietà, il CST ci permette di allenare il corpo prendendoci cura di esso e preparandolo a qualsiasi altro sport o attività quotidiana.

Gli esercizi sono talmente numerosi e vari che non mi metterò qui a fare esempi ma in breve, per darvi un’idea più pratica del sistema posso dirvi che la parte di Intuflow consiste in un lavoro mirato a migliorare la mobilità articolare attraverso movimenti che lavorano su specifiche sezioni articolari, il Prasara è un lavoro basato su una fluidità di movimento, che ci permette, senza traumi, di lavorare sulla flessibilità, sulla stabilità ma anche sulla resistenza e sulla tonicità muscolare.

 

 

Ultimo ma non-ultimo, il lavoro con i Clubbell. Per chi di voi trovasse questo termine oscuro, trattasi di clave di ferro, che vengono utilizzate come sovraccarico per tutta quella parte di allenamento riguardante l’incremento della forza, della forza resistente e della massa muscolare. La particolarità di questi attrezzi, quella che mi ha colpita da subito, è stato l’aspetto tecnico dell’utilizzo dei clubbell.

La distribuzione del peso di questi attrezzi e la tecnica di utilizzo li rende particolarmente stimolanti anche per i più ferrati in ambito di allenamento funzionale, quelli, per intenderci, che hanno già molta dimestichezza con kettelbell o bulgarian bag o TRX ecc.

Fondamentale è l’utilizzo di tutta la parte centrale del corpo, il controllo dell’addome e la respirazione. Gli esercizi sono vari e i risultati evidenti.